Third Nature

"Third Nature", 2015“Third Nature” is a photographic approach to the historical incident of the Vajont dam disaster of 1963. The work consists of landscape shots and an index which introduces various items as objects of reference. Moving back and forth between evidence found on the ground and symbolic objects, the index rescales the line between fact and fiction. The ongoing series is part of the CALAMITA/À project and will be completed by another research visit to the city of Vajont in 2016.

Il progetto “Third Nature“ di Jan Stradtmann vuole avvicinarsi, attraverso la fotografia, ai fatti relativi alla catastrofe del Vajont del 1963. In seguito al riempimento dell‘invaso artificiale sviluppatosi sull‘omonimo torrente Vajont, una fiancata del Monte Toc franò nel sottostante lago creato dalla Diga. L‘onda scatenata dalla frana spazzò nel giro di pochi minuti paesi e cittadine lungo la valle, alcuni dei quali furono completamente cancellati. (1)
Quest‘opera include immagini di paesaggi, una serie di ritratti e un indice, che introduce diversi oggetti come punti di riferimento. Con questa combinazione Stradtmann insegue una prospettiva concettuale che cerca di confondere l‘approccio personale al tema, attraverso dettagli seriali e simbolici. “Third Nature” riprende elementi che hanno origine nelle vicinanze dirette dei luoghi colpiti dalla frana e raccolti nel Novembre 2015 tra Longarone, Erto e Casso e la cittadina ricostruita di Vajont.
La composizione dei paesaggi, dei ritratti e dell‘indice rispecchia un‘avvicinamento ai fatti storici che si ripete parallelamente sul piano delle singole immagini: l‘oggetto concreto non viene semplicemente posto nel proprio ambiente, ma interrogato sulla sua origine e apparenza. Nulla qui è ovvio. Che sia il pilastro di un ponte, spinto nel letto del Piave dalla forza dell‘onda del ‘63 dal luogo dove era originariamente situato (e dove svolgeva la sua funzione), e fotografato da Stradtmann da sei diverse prospettive, come un oggetto di un altro mondo. O come la serie confusa di ritratti dei discendenti dei superstiti della Catastrofe, fotografati in contesti domestici o urbani nella cittadina di Vajont. Quest‘ultima venne pianificata come luogo di accoglienza per i superstiti, costruita a 50km dal luogo della catastrofe e fondata ufficialmente nel 1971. Restano vaghe le storie e le vicende personali che i soggetti fotografati collegano al Vajont e alla tragedia.
Sia l‘accostamento ad arte delle sei istantanee del pilastro che la serie di ritratti pongono in dubbio il taglio documentaristico e inseriscono una scena fittizia nell‘intera rappresentazione, che si può ritrovare anche negli scatti dei paesaggi. Luoghi e oggetti non vengono osservati da un punto di vista neutro, ma descritti in modo surreale.
Parte integrante dell‘opera è costituita dall‘Indice, con il quale si introduce un‘ulteriore piano concettuale. Ricerca reale o immaginaria, affermazione e intervento vengono di volta in volta ricalibrati attraverso i soggetti fotografati, mentre gli oggetti stessi si rivelano come in bilico tra la testimonianza storica e il messaggio simbolico.
Il titolo “Third Nature“ rimanda allo studioso del Rinascimento Jacopo Bonfadio, che coniò la nozione di „terza Natura“ nel XVI secolo. Bonfadio associò la „terza Natura“ all‘idea di un giardino e ne trasse quindi l‘immagine artistica della Natura selvaggia.
Nella cornice del presente progetto il titolo si lega alla struttura geometrica e al simmetrico ordine della cittàmodello di Vajont, ricostruita a tavolino, così come a una copia del coronamento della diga, servita da scenario nella produzione del film „Vajont – La diga del disonore“ e lasciata in dono ai cittadini dopo la fine delle riprese nel 2001. Nei resti della finta Diga nel parco di Vajont si cristallizza l‘assurdità che fino a oggi distingue i rapporti con i sopravvissuti alla catastrofe.

(1) Nella fase preparatoria i geologi avevano avvisato della possibilità che si verificasse una catastrofe. L‘instabilità della montagna e il pericolo di una possibile frana erano dunque conosciuti. Nonostante gli avvertimenti, il prestigioso progetto di costruzione venne comunque realizzato.

"Facing The Damn Dam" from the series: "Third Nature", 2015“Facing The Damn Dam – Part I” "Third Nature", 2015  "Third Nature", 2015"Third Nature", 2015"Third Nature", 2015

"Third Nature", 2015

"Third Nature", 2015"Third Nature", 2016

"Third Nature", 2015„The Assumption Of A Mountain“

"Third Nature", 2015 "Third Nature", 2015"Third Nature", 2015"Third Nature", 2015"Third Nature", 2015

"Third Nature", 2015 "Third Nature", 2015“Facing The Damn Dam – Part II”

"Third Nature", 2015BACK TO WORK